Sui presupposti per la sussistenza dell’interesse a ricorrere nel caso dell’installazione di un nuovo impianto di carburante

Con una recente sentenza, il TAR per la Toscana ha respinto il ricorso diretto ad ottenere l’annullamento dell’autorizzazione all’installazione ed esercizio di un nuovo impianto di distribuzione di carburante rilasciata dalla competente Amministrazione comunale, proposto da un soggetto con esso confinante.

Ai fini della sussistenza dell’interesse a ricorrere, il Collegio ha ritenuto che la vicinitas – che radica la legittimazione al ricorso – debba essere integrata con la prova che la presenza del distributore arrechi un concreto pregiudizio alla proprietà confinante.

In particolare il TAR, aderendo alle tesi della controinteressata – difesa dallo Studio Legale Lessona -, ha affermato che il criterio della prossimità non deve essere inteso come vicinanza geografica in senso assoluto e astratto, ma come vicinanza significativa, tale cioè da comportare un’interferenza visiva obiettivamente pregiudizievole per il bene del confinante.

Sulla base di questa interpretazione è stato escluso, in ragione della distanza esistente, che, nel caso di specie, l’impianto potesse costituire elemento di disturbo alla visione del bene confinante.

Leave a Reply

Articoli Recenti

Rinuncia o decadenza dal titolo edilizio? Il richiedente ha diritto alla ripetizione degli oneri concessori già corrisposti
Giugno 22, 2022
La delega appalti è legge: ok al testo con i 31 criteri attuativi
Giugno 17, 2022
Illegittimo il Decreto MIMS relativo alla variazione prezzi del primo semestre 2021
Giugno 8, 2022

Categorie