Sui presupposti per la reiterazione del vincolo espropriativo

Con una recente sentenza il TAR per la Toscana ha accolto il ricorso patrocinato dallo Studio Legale Lessona proposto contro la disposizione che ha reiterato un vincolo espropriativo su un resede privato, contenuta nel nuovo strumento urbanistico adottato dall’Ente locale. 

In particolare, ad avviso dei difensori dei proprietari, il Comune non aveva motivato in maniera adeguata e sufficiente le ragioni che giustificavano la rinnovazione del predetto vincolo.

In accoglimento di questa tesi, il TAR , richiamando il costante insegnamento del Giudice Amministrativo d’appello, ha ricordato che la motivazione che deve assistere la reiterazione del vincolo deve dare conto non solo della attualità dell’interesse pubblico, ma anche della assenza di alternative possibili al suo soddisfacimento e, ritenuta l’insufficienza e genericità della motivazione sulla permanenza del pubblico interesse e sull’assenza di alternative possibili fornita dall’Amministrazione, ha annullato il provvedimento impugnato.

Leave a Reply

Articoli Recenti

Diritto alla doppia esenzione IMU per i coniugi residenti in abitazioni differenti nello stesso Comune
Aprile 12, 2024
Quanto può essere penetrante la discrezionalità del Ministero della Cultura sui vincoli paesaggistici?
Marzo 29, 2024
Motocondensanti esterni sui tetti a falda inclinata e regolamento edilizio
Febbraio 19, 2024

Categorie