Importanti novità per la risoluzione delle riserve negli appalti

Il decreto semplificazioni ha previsto come obbligatorio per tutti gli appalti di lavori sopra soglia europea e come facoltativo in quelli sotto soglia, anche già stipulati, l’istituzione di un collegio consultivo tecnico con il compito di esprimersi sulle sospensioni dei lavori e, su accordo delle parti, di decidere sulle controversie  anche di natura tecnica e, dunque, anche sulle riserve.
Le decisioni sulle controversie da assumersi in tempi brevissimi (quindici o venti giorni) hanno natura di lodo irrituale, salvo diverso accordo delle parti,  e dunque assumono valore di contratto con conseguente sostanziale insindacabilità nel merito.
Il collegio è formato da un numero di componenti pari a tre oppure a cinque, in caso di motivata complessità dell’opera e di eterogeneità delle professionalità richieste.
I componenti devono essere  dotati di esperienza e qualificazione professionale adeguata alla tipologia dell’opera, tra ingegneri, architetti, giuristi ed economisti con comprovata esperienza nel settore degli appalti.

Leave a Reply

Articoli Recenti

Rinuncia o decadenza dal titolo edilizio? Il richiedente ha diritto alla ripetizione degli oneri concessori già corrisposti
Giugno 22, 2022
La delega appalti è legge: ok al testo con i 31 criteri attuativi
Giugno 17, 2022
Illegittimo il Decreto MIMS relativo alla variazione prezzi del primo semestre 2021
Giugno 8, 2022

Categorie