Perdita del Superbonus 110% per ritardi nei lavori dell’impresa: uno spiraglio di speranza?

Lo studio si è recentemente occupato della questione relativa all’agevolazione fiscale c.d. Superbonus 110%. Come noto si tratta di una misura di incentivazione edilizia volta da un lato a rimodernare e rendere più efficienti a livello energetico gli edifici, dall’altro a fornire sostegno al settore edilizio. Tale istituto opera tramite un articolato apparato di detrazioni in dichiarazioni dei redditi, agevolazioni e rimborsi fiscali. A causa di molteplici criticità la detrazione fiscale dall’iniziale 110% si è progressivamente contratta: dal 2023 è divenuta Superbonus 90%”e, stando alla attuale formulazione legislativa, l’ammontare della detrazione fiscale sarà destinato a scendere ulteriormente (70% nel 2024 e 65% nel 2025).

Tuttavia è stata prevista una proroga: coloro che sono riusciti a completare almeno il 30% dei lavori entro il 30 settembre 2022, hanno comunque potuto godere della maxi detrazione nella sua interezza (110%) per tutto il 2023, con l’obbligo di terminare i lavori entro il 31 dicembre 2023.

È proprio su questo aspetto che si è dibattuto in giudizio: più nel dettaglio, cosa accade se si verificano ritardi nei lavori imputabili alla ditta di costruzioni, tali da non rispettare i termini di proroga indicati? Non vi sono dubbi: la possibilità di accedere alla proroga del Superbonus 110% è perduta. Se così stanno le cose, è palese però che vi sia un vuoto di tutela nei confronti del committente e occorre capire come può essere tutelato in simili situazioni.

 Nel caso di specie il proprietario dell’immobile aveva fatto causa all’impresa edile per la sua inadempienza: quest’ultima non solo non aveva terminato almeno il 30 % dei lavori di ristrutturazione entro i termini previsti dalla legge per godere dell’agevolazione, ma non li aveva nemmeno iniziati.

Il Tribunale di Frosinone, con la sentenza n. 1080 del 2 novembre 2023, richiamando l’art. 1453 c.c., ha dichiarato risolto il contratto di appalto e ha condannato l’impresa edile alla restituzione dell’acconto e al risarcimento dei patiti dal proprietario conseguenti alla perdita dell’agevolazione 110%. Occorre precisare che il giudice ha liquidato il danno nella misura del 10% dell’importo complessivo dei lavori appaltati poiché il proprietario non era riuscito a dimostrare l’impossibilità di poter comunque godere del Superbonus 90%.

Dalla vicenda emerge in maniera netta il seguente principe di diritto: quando, a causa di ritardi nei lavori imputabili all’impresa appaltante, il committente perde l’agevolazione, questi può chiedere il risarcimento dei danni e, se riuscisse a provare in giudizio l’impossibilità di accedere ad altra forma di agevolazione fiscale diversa dal Superbonus 110%, la misura del risarcimento potrebbe arrivare a coprire l’intero costo dei lavori appaltati. Si tratta di una soluzione che potrebbe valere anche per i lavori che non siano stati conclusi entro il 31 dicembre 2023 per un fatto imputabile alla ditta che si era impegnata a compiere i lavori previsti dal bonus.

Leave a Reply

Articoli Recenti

Motocondensanti esterni sui tetti a falda inclinata e regolamento edilizio
Febbraio 19, 2024
Per la restituzione di quanto corrisposto per il rilascio di un titolo edilizio a sanatoria dichiarato inefficace, le opere devono essere già state rimosse?
Febbraio 12, 2024
Il dipendente pubblico prosciolto in un giudizio contabile può ottenere il rimborso delle spese legali in eccesso rispetto a quelle liquidate dalla Corte dei conti?
Febbraio 5, 2024

Categorie