Espropriazione forzata di crediti delle Pubbliche Amministrazioni: cambiano le regole sul foro competente

La L. n. 206/2021 ha modificato il primo comma dell’art. 26-bis c.p.c. sul foro relativo all’espropriazione forzata di crediti, prevedendo che, quando il debitore è una P.A. indicata dall’art. 413, quinto comma, c.p.c., la competenza spetti non più al giudice del luogo “dove il terzo debitore ha la residenza, il domicilio, la dimora o la sede”, bensì al giudice del luogo “dove ha sede l’ufficio dell’Avvocatura dello Stato nel cui distretto il creditore ha la residenza, il domicilio, la dimora o la sede”.

La medesima legge ha disposto che tale modifica normativa trovi applicazione per i procedimenti instaurati a decorrere dal centottantesimo giorno successivo alla sua data di entrata in vigore avvenuta il 24 dicembre 2021.

A far data dal 22 giugno 2022 è quindi a tale luogo che è necessario fare riferimento.

Leave a Reply

Articoli Recenti

Sul demansionamento dei dipendenti Mic di Area II, F3 ed F4
Dicembre 1, 2022
Illegittimo il licenziamento irrogato per giustificato motivo oggettivo se il datore di lavoro non prova l’impossibilità di riqualificazione professionale del dipendente
Novembre 25, 2022
Sulle ordinanze aventi ad oggetto il ripristino della viabilità sussiste la giurisdizione del giudice amministrativo
Novembre 18, 2022

Categorie