Espropriazione forzata di crediti delle Pubbliche Amministrazioni: cambiano le regole sul foro competente

La L. n. 206/2021 ha modificato il primo comma dell’art. 26-bis c.p.c. sul foro relativo all’espropriazione forzata di crediti, prevedendo che, quando il debitore è una P.A. indicata dall’art. 413, quinto comma, c.p.c., la competenza spetti non più al giudice del luogo “dove il terzo debitore ha la residenza, il domicilio, la dimora o la sede”, bensì al giudice del luogo “dove ha sede l’ufficio dell’Avvocatura dello Stato nel cui distretto il creditore ha la residenza, il domicilio, la dimora o la sede”.

La medesima legge ha disposto che tale modifica normativa trovi applicazione per i procedimenti instaurati a decorrere dal centottantesimo giorno successivo alla sua data di entrata in vigore avvenuta il 24 dicembre 2021.

A far data dal 22 giugno 2022 è quindi a tale luogo che è necessario fare riferimento.

Leave a Reply

Articoli Recenti

Motocondensanti esterni sui tetti a falda inclinata e regolamento edilizio
Febbraio 19, 2024
Per la restituzione di quanto corrisposto per il rilascio di un titolo edilizio a sanatoria dichiarato inefficace, le opere devono essere già state rimosse?
Febbraio 12, 2024
Il dipendente pubblico prosciolto in un giudizio contabile può ottenere il rimborso delle spese legali in eccesso rispetto a quelle liquidate dalla Corte dei conti?
Febbraio 5, 2024

Categorie