Sull’obbligo di comunicazione alla Stazione Appaltante di tutte le risoluzioni contrattuali e le penali, anche sopravvenute, che possano incidere sulla valutazione di affidabilità professionale della concorrente

Il Consiglio di Stato, con una recente decisione, ha ritenuto illegittima l’aggiudicazione di un appalto ad una concorrente che, ad aggiudicazione avvenuta, aveva trasmesso alla Stazione Appaltante un provvedimento sanzionatorio adottato dall’AGCM ed irrogatole nel corso del procedimento di gara pochi mesi prima della conclusione del procedimento.

Il Giudice amministrativo ha ritenuto che sussista, in capo ai partecipanti alle procedure d’appalto della Pubblica amministrazione, l’obbligo di comunicare a quest’ultima, nel corso della gara, tutte le vicende, anche sopravvenute, attinenti allo svolgimento della propria attività professionale; ciò al fine di consentire alla stazione appaltante di valutare l’eventuale incidenza di tali precedenti sulla reale affidabilità, morale e professionale, dei singoli concorrenti.

Tale obbligo, a carico di ciascun concorrente, è configurabile fino al momento dell’ultima seduta pubblica di gara e comunque fino a che la stazione appaltante non abbia aggiudicato la gara.Anche nell’ipotesi in cui non fosse possibile al concorrente trasmettere tali informazioni in occasione di una seduta pubblica, quest’ultimo dovrà in ogni caso trasmettere con qualunque mezzo, anche attraverso forme alternative di comunicazione altrettanto efficaci (ad es. PEC, raccomandata o fax), ogni notizia  astrattamente rilevante e/o utile per consentire alla stazione appaltante una compiuta valutazione di affidabilità professionale dell’impresa.

Qualora tali comunicazioni, relative a circostanze rilevanti avvenute prima dell’aggiudicazione, avvengano solo a valle del perfezionamento dell’aggiudicazione e dopo l’instaurazione dei contenziosi giurisdizionali innanzi al giudice amministrativo, il provvedimento di aggiudicazione potrà risultarne viziato.

Leave a Reply

Articoli Recenti

È sanabile la mancata separata indicazione dei costi della manodopera nell’offerta di gara?
Giugno 14, 2024
Sulla piena discrezionalità della P.A. nell’imprimere a una particolare zona un certo regime urbanistico-edilizio
Giugno 7, 2024
Anche per il 2024 lo Studio Legale Lessona è stato confermato Studio legale dell’anno da “Il Sole 24 ore”
Maggio 24, 2024

Categorie